Se ti da fastidio il rumore, perche’ hai scelto di vivere li?

 

“Perche’ mai una persona che si lamenta del rumore ha scelto di vivere in quel luogo?”

Purtroppo e’ il solo che mi appartiene, non solo materialmente, ma anche affettivamente, perche’ci sono nata, perche’ ho visto crescere gli alberi intorno a me, perche’ in quel luogo ci sono le mie radici –

Il mio mondo e’ stato stravolto, la mia salute  e quella di mio figlio  sono state rovinate dalle conseguenze ovvie del rumore e dell’inquinamento atmosferico.

Anche la mia proprieta’ e’ svalutata. Il rumore e le esternalita’ negative non rivalutano certamente gli immobili.

60 mila lire il risarcimento per l’esproprio del terreno
Via Velturno era raggiungibile  percorrendo un sentiero, ora siamo stati staccati dai vicini e dalla montagna
Di male in peggio, ora al posto del traliccio c’e’ l’autostrada A22 – tutta l’Europa passa di qui.
al posto del ciliegio e del prato un muro grigio
al posto del prato del contadino vicino, e dei nostri alberi in fiore ora il muro dell’autostrada

 

1969 – le foto di famiglia dopo la costruzione dell’A22
le
 

i prodotti dell’orticello biologico, curato con grande amore hanno il sapore del piombo – anche l’alimentazione e’ stata stravolta – inoltre dai fori del muro dell’autostrada, come quello che si vede nell’immagine dell’orto, quando piove escono getti d’acqua –

Siamo stati fortunati, ci hanno lasciato 5 metri  per entrare in casa. Ora invece del prato, posso godere di questo splendido panorama: l’A22, un muro grigio, le ridicole barriere (assolutamente insufficienti a contenere il rumore che cresce di anno in anno e inoltre poiche’ non sono fonoassorbenti, ci rimbalzano il rumore della ferrovia), polvere, vibrazioni – Quando nevicava, fino al 1997, anno in cui sono state terminate le barriere, gli spartineve che passavano in  autostrada gettavano la neve  fin sul balcone di casa – ovviamente non e’ solo questo quello che cadeva dall’autostrada, anche le lattine delle bibite venivano lanciate dalle macchine in corsa e anche le bottiglie di vetro.

Fortunatamente nessuno e’ rimasto ferito –
Ci e’ stato tolto molto, troppo, il prato di fronte a casa era anche uno spazio di vita giocosa per i bambini, in inverno, si poteva slittare, provare i primi passi con gli sci.
Si vedevano i caprioli arrivare quasi fino alle case alla ricerca del cibo.

 

 


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...