Bressanone – Stop ai tir sulla statale

http://ricerca.gelocal.it/altoadige/archivio/altoadige/2009/07/15/AX1AZ_AX101.html

Statale, stop ai tir prorogato «Rumore calato di 3 decibel»
Alto Adige — 15 luglio 2009 pagina 28 sezione: PROVINCIA

BRESSANONE. Da quando è stato introdotto il divieto di transito per i tir sulla statale in città, il rumore lungo la strada è diminuito di 3 decibel. Anche per questo il divieto – che finiva ieri – è stato prorogato fino a gennaio, ma di fatto fino all’apertura della tangenziale a maggio. L’assessorato alla mobilità ci ha lavorato per mesi ma il frutto dello sforzo, dice ora il vicesindaco Gianlorenzo Pedron, «ci sta dando molte soddisfazioni». E così il divieto di transito dei mezzi pesanti sulla statale in città (con contestuale deviazione forzata – e rimborsata – sull’A22 tra Bressanone Sud e Varna) sarà prorogato. La fase sperimentale terminava ieri ma il Comune ha deciso che si proseguirà fino al termine di gennaio. Questo come primo passo: di fatto, anche se conferme ufficiali non ce ne sono, l’intenzione dell’amministrazione comunale è di bloccare il passaggio dei camion fino all’apertura della tangenziale, prevista per maggio dell’anno prossimo. «I risultati che abbiamo registrato in questi primi mesi – dice Pedron – sono stati più che positivi. È leggermente migliorata la situazione della viabilità (per esempio si inizia a usare la corsia preferenziale a Varna, e il casello di Bressanone Sud funziona a regime) ma soprattutto è migliorato molto il livello di inquinamento acustico. Abbiamo fatto le misurazioni ed è emerso che in città lungo la statale il rumore è diminuito mediamente di 3 decibel. Un risultato eccellente, dovuto al blocco dei tir ma anche alla nuova asfaltatura che abbiamo realizzato». Sembrano risolte anche le difficoltà – che si erano ipotizzate all’inizio del progetto – sul rimborso alle ditte per le spese del ticket autostradale. Intanto è stato messo nero su bianco che il tratto rimborsabile è solo quello tra Varna e Bressanone Sud (nei due sensi). Inoltre la procedura è stata definita: le singole aziende dovranno rivolgersi al fondo ministeriale, che però è di competenza dell’albo degli autotrasportatori; solo in seconda battuta, eventualmente, interverrà il Comune. «Va anche detto – prosegue Pedron – che ci siamo incontrati con gli imprenditori locali e si sono espressi in maniera favorevole rispetto al provvedimento». Ancora «soft», infine, la situazione riguardo le multe: gli agenti della municipale si sono dedicati soprattutto all’informazione.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...